Guerra in Ucraina. La diocesi di Iglesias vicina alle comunità colpite

A quasi quattro mesi dall’inizio dell’invasione in Ucraina, il conflitto è purtroppo ancora lontano dalla conclusione. Mentre si continua a sperare e a pregare affinché cessino le violenze della guerra, la Diocesi di Iglesias, con il suo Vescovo Giovanni Paolo, continua ad esprimere la propria vicinanza alle popolazioni colpite.

In data 11 aprile 2022, il Dipartimento della Protezione civile ha pubblicato un Avviso per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per lo svolgimento di attività di accoglienza diffusa sul territorio nazionale, a beneficio dei profughi ucraini. A questo avviso ha risposto anche Caritas Italiana, che coordina la disponibilità delle diocesi italiane. Anche le Caritas diocesane della Sardegna, compresa quella di Iglesias, sono pronte a fare la propria parte nell’accoglienza. Il 6 maggio 2022, il Dipartimento della Protezione civile ha reso noto l’elenco dei soggetti le cui manifestazioni di interesse sono state valutate positivamente per la sottoscrizione delle convenzioni, fra cui Caritas Italiana. Anche la Caritas diocesana di Iglesias, dunque, è stata reputata idonea all’accoglienza di 28 persone (19 a Iglesias e 9 a Carbonia).

La rete delle Caritas diocesane opera in sinergia con le iniziative promosse da Caritas Italiana per fronteggiare l’emergenza. In questa sezione è possibile consultare gli aggiornamenti sui programmi di aiuto umanitario e sul piano di accoglienza.

La Chiesa diocesana di Iglesias continua a fare appello affinché ognuno faccia la propria parte. Si rinnova l’invito alle comunità parrocchiali e a ogni persona di buona volontà a dare il proprio contributo. Si sollecitano le parrocchie a sensibilizzare le rispettive comunità parrocchiali e a promuovere momenti di preghiera per la pace, nonché di approfondimento conoscitivo sull’emergenza in atto.

La Caritas diocesana si rende disponibile con i propri collaboratori, in particolare con il Gruppo diocesano di educazione alla giustizia, alla pace e alla mondialità.

Si ribadisce che non sono previste raccolte e spedizioni di beni materiali (alimentari, coperte, medicinali, ecc.) da inviare in Ucraina e si raccomanda alle Caritas parrocchiali di evitare di aderire a raccolte di alimenti, vestiario e medicinali se non concordate a livello diocesano e di operare sempre in rete (in coordinamento con la Caritas diocesana) e non da soli. L’aiuto in denaro, coordinato dalla Caritas Italiana, è il modo più semplice ed efficace per far giungere la solidarietà della Chiesa italiana a quelle popolazioni. Le collette, personali e comunitarie (anche a livello parrocchiale), potranno essere versate sul seguente conto:

DIOCESI DI IGLESIAS – CARITAS DIOCESANA
Codice IBAN: IT 36 M 01015 43910 000000016779
Causale: “Europa/Ucraina”

Al 13 maggio 2022 la cifra raccolta, e già inviata a Caritas Italiana, è pari a euro 25.540,00.

Tale cifra è stata ottenuta grazie alla generosità di:
– Parrocchie e comunità religiose (63,8%);
– Dotazione propria della Caritas diocesana (15,7%);
– Privati (13,5%);
– Associazioni di volontariato (7,0%).

Il Consiglio Episcopale Permanente della CEI, riunitosi a Roma dal 21 al 23 marzo 2022, rinnovando «l’invito a intensificare la preghiera perché si ponga la parola fine all’atrocità di un conflitto folle», ha esortato le Diocesi italiane ad attivarsi, come segno della concreta solidarietà di tutti i credenti, per una giornata di raccolta fondi da inviare entro il 15 maggio p.v. a Caritas Italiana. Per tale ragione, la Diocesi di Iglesias ha chiuso la propria colletta una settimana prima, ovverosia domenica 9 maggio 2022, e ha provveduto a inoltrare quanto raccolto in tempo utile alla Caritas Italiana.

Attraverso questo link è possibile consultare una nota di aggiornamento (al 16 maggio 2022) sulla crisi e sugli esiti della colletta diocesana.

Per conoscere i progetti e le iniziative promosse dalla rete Caritas, grazie alle suddette donazioni, è possibile consultare il report Emergenza Ucraina. La risposta Caritas (giugno 2022).

Ogni altra forma di disponibilità o richiesta di ulteriori informazioni può essere segnalata scivendo a: emergenzaucraina@caritasiglesias.it

Caritas diocesana di Iglesias
Pagina aggiornata al 17 giugno 2022

 


Documenti per l’approfondimento

Decreto di individuazione dei soggetti da convenzionare per l’accoglienza diffusa (06/05/22)
Avviso manifestazione di interesse per accoglienza ucraini (11/04/22)
Ordinanza della Protezione Civile n. 881 (29/03/22)
DPCM 28 marzo 2022. Protezione temporanea per la popolazione ucraina (28/03/22)
Piano minori stranieri non accompagnati (25/03/22)
Indicazioni operative Dipartimento Protezione Civile per l’accoglienza e l’assistenza ucraini (21/03/22)
Decreto Legge 21 marzo 2022 , n. 21
Ordinanza della Protezione Civile n. 876 (13/03/22)
Intervista al Presidente di Caritas Italiana, Mons. Redaelli (Avvenire, 11/03/22)
Benvenuto in Italia (lingua ucraina)_10.03.22
Benvenuto in Italia (lingua inglese)_10.03.22
Benvenuto in Italia (lingua italiana)_10.03.22
Linee guida per segnalazione minori profughi provenienti dall’Ucraina (10/02/22)
Circolare della Prefettura di Cagliari, indirizzata agli Enti locali territorialmente competenti (10/03/22)
Circolare del Ministero dell’Interno su protezione temporanea (10.03.2022)
Circolare del Ministero dell’Interno “crisi ucraina” (08/03/22)
Ordinanza della Protezione Civile n. 873 (06/03/22)
Circolare Ministero Istruzione. Accoglienza scolastica ucraini (04/03/22)
Ordinanza della Protezione Civile n. 872 (04/03/22)
Lettera di Mons. Stefano Russo, Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana (03/03/22)
Circolare Commissario straordinario attuazione misure Covid, in favore di cittadini ucraini (03/03/22)
Circolare del Ministero della Salute (03/03/22)
Circolare del Ministero dell’Interno “accoglienza ucraini” (02/03/22)
Decreto Legge 28 febbraio 2022, n. 16
Delibera del Conisiglio dei Ministri 22A01599 (28/02/22)
Dossier “Ucraina – La follia della guerra”, di Caritas Italiana, aggiornato al 28 febbraio 2022
Scheda Ucraina (aggiornata al 23 febbraio 2022)