Progetti di solidarietà internazionale

La Caritas diocesana di Iglesias è impegnata da diversi anni, anche in collaborazione con Caritas Italiana e la Delegazione regionale Caritas Sardegna, in progetti di accompagnamento delle comunità ecclesiali all’estero, attraverso gemellaggi solidali e scambi con le Chiese sorelle. In particolare, nei primi anni ’90 si è sviluppata un’attenzione specifica alle comunità segnate dal dramma della guerra nei Balcani, in Albania e in Kosovo (clicca qui per un approfondimento).

A seguito  dello tsunami in Indonesia del 2004, la Caritas diocesana di Iglesias ha aderito alle iniziative di solidarietà internazionale promosse dalla Delegazione regionale Caritas Sardegna in collaborazione con Caritas Italiana, in un progetto di sostegno della comunità di Nias, localizzata nell’area nord-occidentale del Paese (clicca qui per un approfondimento).

In seguito al terribile terremoto avvenuto ad Haiti nel gennaio del 2010, l’impegno delle Caritas sarde (e dunque della Caritas diocesana di Iglesias) si è tradotta nell’accompagnamento della Chiesa locale alle prese con la ricostruzione e con il dramma delle povertà vecchie e nuove rese ancora più acute dal sisma (per approfondire il tema clicca qui).

Dall’1° al 7 ottobre 2017 una delegazione delle Caritas di Atene e Salonicco ha visitato la Caritas diocesana di Iglesias. In questo modo prende operativamente avvio il progetto di Gemellaggio Solidale con la Grecia: un progetto promosso da Caritas Italiana per rispondere a un appello lanciato da Papa Benedetto XVI negli anni della crisi economica che aveva colpito il Paese, mettendo in ginocchio intere famiglie e sollecitando la Chiesa cattolica locale a dare risposte. Il progetto si è poi sviluppato focalizzando l’azione sulla realtà del Vicariato apostolico di Salonicco, promuovendo una specifica collaborazione con la locale Caritas. Il coinvolgimento della Delegazione regionale Caritas Sardegna ha permesso di articolare due linee di intervento: da un lato il sostegno economico al fine di contribuire alla ristrutturazione del Centro di ascolto Caritas di Salonicco (e annesso servizio alimentare e di vestiario); dall’altro lato la costruzione di un processo di valorizzazione del turismo solidale ecclesiale, con il coinvolgimento di giovani di Salonicco nell’ambito di un possibile percorso turistico denominato “Sulle orme di San Paolo” (per approfondire il tema clicca clicca qui).